Italian Version
English Version

Quando la firma è biometria

di Avv.ti G. Garrisi, L. Foglia e A. Lisi (www.studiolegalelisi.it) - Dal Garante Privacy sì al trattamento dei dati biometrici, ma non ancora alla firma elettronica grafometrica. Fonte punto-informatico.it


12 aprile 2013

Roma - Un recente provvedimento dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali del 31 gennaio 2013, a conclusione della richiesta di verifica preliminare, ha autorizzato per la prima volta in Italia l'utilizzo dei dati biometrici legati alla firma (dati grafometrici) all'interno di un procedimento di sottoscrizione digitale da remoto. Quindi, il Garante si è interessato di un delicato processo di autenticazione biometrica e non di una firma elettronica grafometrica in senso stretto!
……

I dati grafometrici (dati comportamentali legati al gesto della sottoscrizione), infatti, possono essere utilizzati come strumento di riconoscimento di un soggetto che abbia in precedenza provveduto a depositare alcuni "specimen" del proprio comportamento durante la sottoscrizione. In questo caso il successivo confronto tra i dati conservati e quelli rilevati al momento permettono di riconoscere - con un buon grado di certezza - il soggetto sottoscrittore, e di autenticarlo presso un certificatore di firma digitale permettendo, così, l'apposizione di una sua firma digitale sul documento da sottoscrivere.

dati grafometrici, però, possono essere anche utilizzati in differenti processi che permettono di sottoscrivere i documenti con una firma elettronica "semplice" o, ad alcune condizioni, una Firma Elettronica Avanzata (FEA). In quest'ultimo caso, però, i dati comportamentali non vengono conservati in separati archivi per i successivi confronti, ma vengono criptati e "fusi" con il documento stesso: solo nel caso in cui il documento dovesse essere disconosciuto, allora si provvederà a decifrare i dati grafometrici contenuti nel documento e a confrontarli con quelli presenti in altri documenti già verificati o con quelli raccolti al momento stesso dal perito "grafometrico" nominato dal giudice. Il processo descritto per sommi capi rappresenta sicuramente una firma elettronica (oltretutto basata su elementi molto simili a quelli ritenuti una valida sottoscrizione, quando apposti e verificati su carta) e, ove inserito in un processo più ampio, può essere ricondotto nell'alveo delle FEA. L'utilizzo di dati comportamentali legati al documento (mediante opportuni algoritmi di HASH) permette infatti di soddisfare almeno due dei requisiti richiesti dalla normativa per le FEA....

Leggi l'articolo completo su punto-informatico.it

Cos'è

La soluzione FirmaGrafoCerta è un processo di Firma Elettronica Autografa (FEA)...
Vai alla pagina

Caratteristiche

Il processo FirmaGrafoCerta in dettaglio dalla lettura dei dati biometrici...
Vai alla pagina

A chi è rivolta

Banche, Finanziarie, Società di telefonia, Aziende, liberi professionisti...
Vai alla pagina

Vantaggi

Dematerializzazione del cartaceo, risparmio della carta, taglio dei costi...
Vai alla pagina

News/Eventi

Novità ed eventi sulla Firma Grafometrica
Vai alla pagina

FIRMAGRAFOMETRICA.IT

Privacy Policy - Cookie Policy - Contatta DPO - Mappa sito - Contatti - Richiedi informazioni

NAMIRIAL S.p.A

Sede legale 60019 SENIGALLIA (AN), Via Caduti sul Lavoro n. 4 - Capitale sociale € 6.500.000,00 i.v. Cod. fisc. e iscriz. al Reg. Impr. di Ancona n. 02046570426 - Partita i.v.a. IT02046570426 - Numero REA: AN157295 - © 2018 Namirial S.p.A.